2024.06.26 - Newsletter di luglio 2024

Gli errori sono necessari, utili come il pane, e spesso anche belli, per esempio la torre di Pisa.
(Gianni Rodari)


Se c'è una città che particolarmente possiede errori, questa è Venezia! L'unica Piazza è trapezoidale, nonostante sembri rettangolare; tutti i campanili pendono (ricordate quelli di Santo Stefano e di San Giorgio dei Greci?); gli angoli acuti di palazzi e abitazioni non si contano - sembrano fette di torte; sono obliqui numerosi ponti, da cui il nome di "ponte storto" nei nizioleti; si calpestano pavimentazioni in pendenza e si sfiorano muri sghembi.
Potremmo trovare qualcosa di dritto e regolare in città? Difficile...

Per questo a luglio vi porteremo a cogliere la bellezza dell'errore e dell'imperfezione nelle corti nascoste e nelle passeggiate notturne per sestieri, nelle architetture liberty del Lido e nelle chiese veneziane, nei viaggi dei Polo e nelle partiture di Vivaldi, nell'esuberanza di Goldoni e nell'irrequietezza di Foscolo, nelle curve del Canal Grande e tra i banchetti di Rialto.

Saranno occasioni per vagare, cioè allontanarsi dalle rette vie e assaporare il piacere di conoscenze nuove, magari sotto cieli stellati e calli che piegano.

Vi aspettiamo a sbagliar strade!
Silvia e Matteo

  P.S.  Nei fine settimana fino alla festa del Redentore 2024, il Comune di Venezia sperimenterà delle nuove norme per l'accesso alla città. Per ogni informazione consultate il sito del Comune (https://cda.ve.it/it/) e seguitene le semplici istruzioni.

IL PROGRAMMA LO TROVI A PARTIRE DA QUI

2024.05.28 - Newsletter di giugno 2024

Chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà la verità.
(Eraclito)


Speriamo che Eraclito non ne abbia a male se lo parafrasiamo, affermando che chi non si aspetta l'inaspettato, non scoprirà Venezia. È necessario aggirarsi tra le calli e negli angoli bui delle chiese, lungo le rive e nelle sale capitolari delle Scuole Grandi, in corti misteriose e nelle isole circostanti, nei luoghi della difesa e nei quartieri delle attività, per vigne e per giardini, nel silenzio dei conventi e davanti a rutilanti palazzi, dentro a storie romantiche e sogni infranti, in vista di progetti realizzati e opere inconcluse, sull'acqua cangiante e mutevole, che trasforma la città ogni mattino e ogni sera, per tentare di afferrarla... almeno un po'.

Venezia ha stratificazioni non solo fisiche, dovute a pali, tavolati di larice, pietra d'Istria e mattoni, ma possiede intrecci culturali, economici, urbanistici e artistici, che la rendono sempre interessante.
Sprizza nuove cose da ogni porta, da ogni fessura, da ogni gradino e si potrebbe visitare mille e mille volte, scoprendone ancora aspetti affascinanti.

Vi proponiamo, perciò, a giugno delle passeggiate di scoperta per acqua, per terra e per isole.
Percorreremo i sestieri in notturna, i misteri e le leggende al calare della luce, ma di giorno vedremo le isole della Giudecca, di San Giorgio, del Lido e di Murano.
Visiteremo famose chiese (i Frari, i Miracoli, Santi Giovanni e Paolo, San Giorgio Maggiore) e altre meno conosciute (San Giacomo dell'Orio, San Sebastiano, i Carmini, la Bragora), eppure dense di arte, storia e curiosità.
Ci aggireremo per teleri di Scuole Grandi, al Ghetto ebraico, per calli armene, nel Castelletto d'amore, nell'iconografia dei santi, senza mai stancarci di cogliere nuovi significati.

Un caro saluto e un invito a scoprire, allora!
Silvia e Matteo

  P.S.  Nei fine settimana fino alla festa del Redentore 2024, il Comune di Venezia sperimenterà delle nuove norme per l'accesso alla città. Per ogni informazione consultate il sito del Comune (https://cda.ve.it/it/) e seguitene le semplici istruzioni.

IL PROGRAMMA LO TROVI A PARTIRE DA QUI

2024.04.26 - Newsletter di maggio 2024

Venezia: un luogo più simile a un mondo intero che a una città.
(Aldo Manuzio)


Un mondo dentro una piccola città, una città-mondo, ecco l'essenza di Venezia e il suo tratto distintivo.
Fondata per ragioni di contingenza da sparute comunità provenienti da luoghi diversi; cresciuta e accresciutasi grazie a scambi commerciali; fisicamente aperta e senza mura difensive; geograficamente perno tra nord e sud, est e ovest del mondo; pronta a ricevere singoli mercanti o pellegrini o marinai o popoli stranieri, la città si lasciò permeare da fusioni culinarie, contaminazioni linguistiche, incroci culturali e artistici.
Venezia, insomma, fu un crocevia di popoli, e fece della diversità il suo sigillo.

In questo mese andremo a scoprire i legami profondi che la unirono alle principali comunità, come gli Ebrei, gli Armeni, i Tedeschi, i Francesi, gli Spagnoli, gli Inglesi e i Greci.
Sarà proposto anche un nuovo percorso dedicato a "Venezia e l'Oriente", come omaggio alla figura di Marco Polo e agli anniversari che quest'anno lo ricordano.

Ripartirà anche il bragozzo!

Con il tema del mese desideriamo sottolineare che, in tempi come i nostri di precarietà geopolitica, è sempre più necessario confrontarsi e guardare l'altro e gli altri per scoprire ciò che ci unisce più che ciò che ci divide.

Un mondo di saluti,
Silvia e Matteo

P.S. Nei fine settimana fino alla festa del Redentore 2024, il Comune di Venezia sperimenterà delle nuove norme per l'accesso alla città.
Per ogni informazione consultate il sito del Comune (https://cda.ve.it/it/) e seguitene le semplici istruzioni.

IL PROGRAMMA LO TROVI A PARTIRE DA QUI

2024.03.30 - Auguri di Pasqua 2024

Non sei più là dov'eri, ma sei ovunque io sia.
(Victor Hugo)


Pasqua è forse il più grande mistero.
Se sul Natale e altri episodi evangelici possiamo sperimentare una certa comprensione e, magari, identificarci con l'incredulità, la speranza, la provocazione, la fiducia, la stoltezza di chi circonda Gesù, davanti alla Pasqua ci troviamo spaesati.
Come è possibile la resurrezione, cioè la liberazione dalla morte, quella catena di paura esistenziale che tutti ci trattiene e opprime?
Eppure essere liberi dalla morte non è qualcosa che solo sarà: è possibile nel presente per vivere con maggiore consapevolezza, privi della paura, fiduciosi che il bene è più forte del male e che i legami profondi della vita non si distruggono, neanche con la morte.

Siamo impregnati di infinito, siamo intessuti di terra e di stelle, siamo carne impastata con l'amore, un amore che non ha e non può aver fine... ovunque noi siamo.

Un affettuoso augurio di buona Pasqua!
Silvia e Matteo

2024.03.26 - Newsletter di aprile 2024

Il libro è una cosa: lo si può mettere su un tavolo e guardarlo soltanto, ma se lo apri e leggi diventa un mondo.
(Leonardo Sciascia)


È primavera e desideriamo celebrarla proponendo questo mese delle passeggiate che abbiano come tema i libri e il mondo che ne gira attorno.

Rievocheremo, pertanto, "Il Milione" nei percorsi dedicati a Marco Polo, ma anche l'invenzione dei portolani e due celebri fratelli veneziani, che furono tra i primi cartografi.
Scopriremo il ruolo centrale che giocò Venezia nello sviluppo della stampa e vedremo alcuni capolavori di editoria antica nella visita "Venezia e i libri" alla biblioteca di San Francesco della Vigna.
Ci metteremo sui passi del più grande tipografo ed editore, Aldo Manuzio, da cui abbiamo ereditato il piacere della lettura oltre a geniali invenzioni di uso ormai quotidiano.
Ricorderemo il "popolo del Libro" (gli Ebrei) e il "popolo dei libri" (gli Armeni), raccontando la loro peculiare inclinazione alla cultura, perseguita nel corso dei secoli.
Anche le Venezie libertine ci stupiranno per i collegamenti con la conoscenza e l'istruzione.

Speriamo così di seminare granelli di curiosità, stupore, meraviglia e allegria, perché la primavera germogli sempre nel cuore e nell'anima.

Un caro saluto,
Silvia e Matteo

IL PROGRAMMA LO TROVI A PARTIRE DA QUI