Le passeggiate

Come e quando si svolgono?

Sono proposte, secondo un programma mensile, in ogni periodo dell'anno. Normalmente, vengono ripetute a intervalli di tre/quattro mesi. Le più richieste sono riproposte più spesso. Durano dalle due alle tre ore.
Date, orari e costi sono specificati nella newsletter mensile. Pertanto, è necessario iscriversi se si desidera conoscerli.
Sono possibili itinerari personalizzati o di gruppo: basta concordarli.


Personaggi famosi


LA VENEZIA DI MARCO POLO
La città medievale e marinara, la vita quotidiana al tempo del celebre veneziano giunto fino agli estremi confini del mondo di allora, merci rare e preziose nello straordinario mercato di Rialto, influssi e sapori d’Oriente nei fonteghi, le case-magazzino dei mercanti veneziani.


LA VENEZIA DI ANTONIO VIVALDI
La storia del Prete rosso -dall’altare al pentagramma- alla luce dell’attrazione che la musica esercitava sui visitatori stranieri, insieme ai virtuosi di strumenti musicali, agli artisti più celebrati, alle "dive" canterine dell’Ospedale della Pietà e degli altri istituti.


LA VENEZIA DI CARLO GOLDONI
La giornata tipo dal letto, alla toilette, dal Liston al teatro, insieme alla società, gli intrighi, i divertimenti, l’arte e i personaggi famosi, attraverso i luoghi in cui appassionatamente visse il brillante commediografo, figlio della città e della cultura del Settecento veneziano.


GIACOMO CASANOVA
Abate, avvocato, bibliotecario, commediografo, diplomatico, editore, fabbricante di stoffe, filosofo, inventore, libertino, librettista, massone, mago, matematico, militare, poeta, romanziere, seduttore, segretario, spia, suonatore di violino, traduttore: chi fu veramente Giacomo Casanova?


LA VENEZIA DI UGO FOSCOLO
La patria, la famiglia, le amicizie, gli amori, le passioni, le delusioni e la fine di un mondo attraverso gli occhi "dell’inquieto spirto guerrier" del giovane Foscolo, nel delicato passaggio della Serenissima da repubblica millenaria alle dominazioni straniere.


GRANDI DONNE A VENEZIA
"Donne con le gonne"… eppure straordinariamente ingegnose, creative, moderne quelle veneziane: ecco le vicende di letterate, pittrici, artiste, rivoluzionarie, nobildonne e religiose che osarono davvero qualcosa di impensabile per la loro epoca.



Popoli


VENEZIA E GLI EBREI
La storia dei tre ghetti veneziani dalle origini all’ultima retata nazista, le insolite e ardite soluzioni architettoniche e urbanistiche nella città degli ebrei, le tradizioni e le feste nell’ebraismo ieri e oggi, i piatti da bacaro veneziano, i tesori di rabbini e alchimisti.


VENEZIA E GLI ARMENI
La Storia e le storie di re, regine, generali, mercanti, santi, letterati, monaci, artigiani, inventori, viaggiatori, guaritori, scrittrici, architetti, pittori e sognatori, dall’Ararat alla laguna veneta, tra passato e presente, tra Armenia e Venezia, tra Oriente e Occidente.


VENEZIA E GLI SPAGNOLI
Una comunità presente fin dalle origini della città, le imprese di ebrei sefarditi, le influenze in pittura, celebri Spagnoli a Venezia (Ignazio di Loyola, la famiglia Labia, l’ambasciatore Montealegre…), curiosità e aneddoti tra sinagoghe, tombe, stoviglie, corride e congiure.


VENEZIA E I FRANCESI
Il re e la cortigiana, eleganti ambasciate e uno strano ambasciatore francese innamorato, poeti e scrittori tra calli veneziane, Napoleone tra furti e orti, i tramonti di Monet in bacino, la magica sabbia di Fontainebleau e i marmi preziosi, gli esuli reali.


VENEZIA E I TEDESCHI
Il centro dell’economia al Fontego dei Tedeschi, i metalli preziosi, l’importanza degli stampatori, i molteplici mestieri dei Tedeschi in città, i profumi di pane e di birra, la prima chiesa luterana fuori della Germania, l’accoglienza agli eretici, Wagner e Venezia.


VENEZIA E GLI INGLESI
L’ammirazione di Shakespeare per la Repubblica, le nuotate di Lord Byron in Canal Grande, le cavalcate di Shelley al Lido, i giri in gondola per la coppia più romantica del mondo, la morte inquietante di Baron Corvo, San Giorgio e la chiesa anglicana.


VENEZIA E I GRECI
“Venezia altra Bisanzio” ed erede di Costantinopoli, i privilegiati rapporti tra Greci e Veneziani, l’arte delle icone, la diffusione della lingua greca, la chiesa greca più famosa e antica in Occidente, storie di marinai, cavalieri, principesse e torte dietro San Marco.



Storie da brivido


LEGGENDE E MISTERI A CANNAREGIO
Case e altane animate da strane presenze, vampiri veneziani e figlie senza cuore, i misteri del Ghetto, segreti di Templari e Massoni, storie di vendette e fatti criminosi, anime perse tra calli e campielli, che tuttavia sembrano luoghi innocenti.


LEGGENDE E MISTERI A CASTELLO
Feste e leggende della tradizione popolare, storie di misteriosi personaggi e fantasmi sguscianti, portali e palazzi ricchi di… brivido, tesori nascosti da cavalieri maledetti, pozzi scomparsi e in cui si scompare, il luogo magico della fortuna che cambia la vita.


LEGGENDE E MISTERI A DORSODURO
La toponomastica segnata dalla cronaca nera e dalle pene capitali, le case di Otello e di sette bellezze, soldati e guerrieri senza pace, l’amore come veleno o balsamo, fantasie letterarie al Ponte dell’Accademia, la memorabile vicenda del nobile Foscarini impiccato a testa in giù.


LEGGENDE E MISTERI A SAN POLO
Teste tagliate tra artigli di leoni, rosoni nascosti, gatti "scova-bimbi", croci misteriose, papi addormentati, la segreta via di fuga dell’adolescente Bianca Capello, porte storte o panciute, mestieri da scoprire incisi negli stipiti, un lungo ponte di… fantasmi.



Luoghi insoliti


CORTI NASCOSTE A CANNAREGIO
Alla scoperta di corti del periodo veneto-bizantino, arconi e simboli medievali, cavalli monumentali e cavalieri scomparsi, dame e Madonne, alberghi e locande da vip, intrighi e complotti, misteri tra passato, presente, l’eterno e l’arcano.


CORTI NASCOSTE A SANTA CROCE
Scorci suggestivi, luoghi dove il tempo si è fermato, segni di antichi mestieri e di arti scomparse, corti illuminate da luci fiabesche, scherzi bizzarri d’artista, donne sopra le righe, piccole cose di una Venezia minore e sempre seducente.


CORTI NASCOSTE A SAN MARCO
Chi direbbe che a ridosso della maestosa e trafficata Piazza San Marco si possano aprire corti solitarie, visitate da re e regine, percorse da amori tormentati, abitate da famiglie sanguinarie, su cui si affacciano palazzi fantastici e vere da pozzo capricciose? Eppure è così.


VENEZIA SCONOSCIUTA
Attorno alla porta da terra di Venezia, chiese scomparse e quelle oggi dimenticate, impianti abbandonati del gasometro e dell’acquedotto, il carcere maschile in via di dismissione, ma anche storie di re pellegrini, visionari e sante scalpitanti.


L’ARSENALE: CUORE DELLO STATO
Non solo luogo di produzione delle navi, cantato da Dante per l’infernale operosità, ma la prima vera industria al mondo, laboratorio di ardite sperimentazioni e lavorazioni segrete, fulcro e orgoglio della Repubblica e dei suoi sedicimila operai, gli Arsenalotti, appunto.



Interni


LA PESTE E IL COMPLESSO DELLA SCUOLA GRANDE DI SAN ROCCO
La peste e i suoi terrificanti effetti all’origine della costruzione di chiesa, scoletta e scuola di San Rocco, il monumentale complesso in cui il Tintoretto ha forgiato per decenni le grandi tele, lasciando per l’eternità un capolavoro di bellezza e umanità.


DONNE E TIEPOLO ALLA SCUOLA GRANDE DEI CARMINI
La Scuola è una bomboniera per l’insieme decorativo, in cui G.B. Tiepolo ha avuto una parte decisiva, ma è ancora più significativa per il ruolo che ebbero le donne nell’organizzazione di questa istituzione, tra le poche con un organo direttivo solo femminile.


SANTI E ANIMALI NELLA SCUOLA DALMATINA
Piccola, ma antica e preziosa, la Scuola Dalmata (Schiavoni erano i soldati dalmati) vanta una storia ininterrotta e i famosi teleri di Vittore Carpaccio, con i santi protettori della nazione: San Girolamo, San Trifone e San Giorgio, accompagnati dai loro fedeli compagni a quattro zampe.


IL MISTERO DI SAN FRANCESCO DELLA VIGNA
La storia affascinante e suggestiva di una tra le chiese più prestigiose di Venezia, il cui complesso comprende il monastero, i chiostri, gli orti e la celebre vigna, che ne diede il nome, nonché un inestimabile patrimonio artistico e molte curiosità… insieme a un mistero.


OLTRE I DIPINTI
Sveleremo i segreti di due opere straordinarie: San Giovanni Battista fra i santi Piero, Marco, Girolamo e Paolo di Giambattista Cima da Conegliano (1495 circa) e la Presentazione al tempio della Vergine di Jacopo Tintoretto (1552-53), riconosciuti come capolavori dei due maestri.


SIMBOLI DELLA NATIVITÀ
Lettura simbolica di tre dipinti (di Cima da Conegliano, Domenico Tintoretto, Paolo Veneziano) in tre importanti chiese veneziane, sul tema della "natività", per riscoprire il linguaggio che parla a ogni uomo nel profondo del cuore.



Le Venezie


VENEZIA GOLOSA
Le origini della cucina veneziana e gli scambi internazionali, la cultura e le stranezze del cibo nei secoli, i piatti tradizionali e le tavole delle feste, i banchetti dei dogi, ricette e piccoli segreti per golosi, il mangiare e il bere nella toponomastica.


VENEZIA E IL VINO
Le vigne in città e le isole dedicate alla coltivazione in laguna, la gerarchia dei locali per il vino, le invenzioni dei mercanti veneziani per far del vino una merce preziosa, la statua più bella del Trecento a un ubriacone, la toponomastica sul vino attorno a Rialto.


VENEZIA FANTASTICA
Dove l’acqua si sposa al cielo, luoghi carichi di verdi giardini e orti botanici, di pittori e artisti incantati, di spiritelli e streghe volteggianti, di arti e mestieri di altri tempi -conservati fino ad oggi- di rari equilibri con la natura, curiosità e leggende.


VENEZIA FESTOSA
Le feste civili e religiose degli antichi Veneziani, i divertimenti e i matrimoni, gli abiti delle cerimonie, i giochi nel verde e sull’acqua, i ritiri segreti di celebri scrittori, la leggenda nera di Cà Dario e prima dei leoni, angoli suggestivi e insoliti.


VENEZIA ROMANTICA
Quale sfondo migliore di Venezia per storie romantiche, a volte persino tragiche? Perché la città infiamma i cuori degli amanti: per poco, per tanto, per sempre, uniti in vita e in morte, Venezia celebra ogni storia d’amore, ieri e oggi.


VENEZIA SIMBOLICA
Esiste nelle pietre veneziane un livello di conoscenza nascosto: dietro le facciate, oltre le superfici, dentro le cose. Nel labirinto delle sue calli si intrecciano simboli, dall’astrologia all’alchimia, dalla cabala alla massoneria, dai numeri alla geometria…


VENEZIA E I LIBRI
A Venezia non fu inventato il libro, ma è la città che più contribuì alla sua diffusione dopo la creazione della stampa. Nella passeggiata scopriremo quali ragioni lo permisero, quali primati vanti la città e quali tesori inestimabili qui si conservino.


VENEZIA CITTÀ DEGLI ANGELI
Scopriremo il sesso degli angeli? Forse… In ogni caso, ci stupiremo per la massiccia presenza di angeli e arcangeli, cori e schiere angeliche presenti in città, per il fascino della loro storia a partire dalla mistica ebraica e per un misterioso enigma nella chiesa dei Gesuiti.


VENEZIA CITTÀ DELLE FEDI
La "sacra geometria urbana", la religiosità complessa e ricca dei Veneziani, il loro spirito tollerante, devozione e culti orientali, il tesoro delle reliquie, il fascino di personaggi come il cardinale Gasparo Contarini e frà Paolo Sarpi, santi e papi veneziani..



VENEZIA Libertina (solo per adulti)


VENEZIA LIBERTINA 1
Il grosso affare del bordello di stato, storie di amanti e cortigiane, cicisbei e nobildonne, monache e frati, personaggi mossi dal cuore e dalla passione, mode e costumi andanti… con brio, gli allegri casini, tante piccanti piacevolezze.


VENEZIA LIBERTINA 2
Dai casini del Settecento alle case di tolleranza, giochi di carte e d’amore, le cure della Serenissima alle malattie, colori e simboli delle cortigiane in pittura, i vezzi modaioli, al cinema per andar co le man in pescada, fatti di cronaca cittadina.


VENEZIA LIBERTINA 3
Di qua e di là del Canal Grande con il caso della contessa Tarnowska e gli assassini a sfondo sessuale di Cà Dario, le marchette in gondola, i fuochi e le fiamme di Gabriele d’Annunzio, sculture e miti erotici tra le colonne di Piazza San Marco.


VENEZIA LIBERTINA 4
I conventi in dell’aristocrazia veneziana, gli eccessi di religiose disinibite, Castello "covo dei bastardi", le vaganti in Riva degli Schiavoni e sulle navi, tra boccoli e brillantina la storia di un barbiere poco assennato, i luoghi di Veronica Franco, cortigiana di rango.


VENEZIA LIBERTINA 5
Come amano attori e attrici a Venezia? E le cocottes negli alberghi? E i miliardari negli yacht? E i batidori nelle carbone? Al suono di quali canzoni si accendono i morbini veneziani? E con quali piatti si deliziano le papille? E quando si scoprono le corna cosa si fa?



Giardini


VERDI PARADISI VENEZIANI A SANTA CROCE
La natura a Venezia è già un miracolo, ma chi si immagina che qui crescessero piante di tutte le specie e fiori esotici? Arricchiti da voliere e terrazze sulla laguna? E che fossero percorsi da carrozze? E un moderno giardino d’inverno, chi se lo aspetterebbe?


VERDI PARADISI VENEZIANI A DORSODURO
Non solo giardini, ma anche orti carichi di ortaggi, piante medicinali, agrumi e alberi da frutto, furono questi "campi dei miracoli", coperti da pergolati di rose e glicini, pareti di edera oppure vite americana, dove insieme ai cetrioli spuntano gli anemoni.


VERDI PARADISI VENEZIANI A CANNAREGIO
Nei giardini, sfidando l’acqua salmastra e la poca terra disponibile, i veneziani hanno saputo creare ambienti suggestivi, romantici e con viste magnifiche sulla laguna nord. Oltre agli iris e alle ninfee, scopriremo pagode, tempietti, grotte, finti ruderi e montagnole collegate da ponti cinesi.


VERDI PARADISI VENEZIANI ALLA GIUDECCA
Che genio quel lord Eden, che creò il giardino ottocentesco più famoso di Venezia, con narcisi e gigli, peschi e ciliegi. Piante e fiori dalle simbologie religiose e laiche, si possono trovare, invece, presso francescani e clarisse, e ovunque pitosfori, a protezione del vento salmastro della laguna sud.


I GIARDINI DI CASTELLO-BIENNALE
Tra tigli, lecci, platani, magnolie e resti architettonici, ci inoltreremo in quello che fu uno dei primi giardini pubblici italiani e che conserva le memorie di illustri personaggi come Garibaldi, Oberdan, Verdi, Carducci, Selvatico, Wagner e il monumento acquatico alla Partigiana.



Storia dell'arte veneziana


LE ORIGINI: VENEZIA RICICLONA
Quando, dove, come nacque la città? Quali furono gli influssi romani, bizantini, ravennati? Dove si trovano i pezzi riciclati? Quali modelli per la basilica di San Marco? Esistono superstiti millenari?


IL ‘200: VENEZIA CASALINGA
Quali antenate ha la casa veneziana? Come ha influito l’ambiente nella sua costruzione e nella distribuzione dei locali? A cosa si deve il suo successo nei secoli? Quali arti arricchirono gli interni duecenteschi?


IL ‘300: VENEZIA SOSPESA
Come riuscirono i Veneziani a tirar su chiese gotiche su tanta instabilità? Come le ornarono? Quale altra stupefacente costruzione sta “sospesa”? Quali storie sospese tra cielo e terra ne raccontano i capitelli?


IL PRIMO ‘400: VENEZIA FIORITA
Un fiore è un fiore, eppure a Venezia i fiori sfidano il tempo e le leggi statiche, diventando intrecci, arabeschi, trame, cortine e pareti dello stile che più di ogni altro caratterizza la città: il gotico fiorito.


IL SECONDO ‘400: VENEZIA ORNATA
Come si passa dalle pareti merlettate all’equilibrio generato da numeri e simboli? Quale fu la prima opera della Rinascenza? E il Rinascimento quali capolavori elargì a Venezia?


IL PRIMO ‘500: VENEZIA ELEGANTE
Dall’ornamento alla funzione, dalla somma di volumi alla spazialità, dalla prospettiva alla pittura tonale: quale cammino per fissare i valori rinascimentali a Venezia?


IL SECONDO ’500: VENEZIA MITICA
Com’è riuscita a diventare un mito Venezia? Come e quando si è costruito il mito del buon governo, della giustizia, dell’armonia, della saggezza, della pace e della cultura della Repubblica?


IL ‘600: VENEZIA AEREA
La vocazione teatrale di Venezia si incarna nello spirito barocco dal ritmo veloce, nelle facciate laiche, negli eserciti di statue scenografiche, nelle glorie di famiglie attraverso monumenti funebri. Dove?


IL ‘700: VENEZIA LANGUIDA
Diafane sante, miti da soffitto, nei e cicisbei, ridotti e casini, pastelli e morbidezze: come si concluse lo stupendo volo dell’arte veneziana?



Isole


GIUDECCA: L’ISOLA DELLE ALCHIMIE
Un crogiolo di isole create dal nulla, di giardini dalle piante rare, erbe medicinali e rose, di ville e palazzi, di accademie letterarie e filosofiche, di intrighi amorosi, di cantieri e attività industriali, di un nascente volto nuovo in città costituito da residenze, atelier e teatri.


MURANO: L’ISOLA DEI MIRACOLI
La magia del vetro e dei mosaici come tappeti, santi mangiafuoco e draghi veri, le antiche tradizioni di libertà e autonomia, personaggi e ospiti illustri, i piacevoli incontri nei giardini -dove fu piantato per la prima volta in Europa il mais- le dimore fastose e i palazzi di villeggiatura.


SAN MICHELE: L’ISOLA DEI RICORDI
Un’isola predestinata già nel nome a essere protetta dall’arcangelo che pesa le anime dei morti, segnata da mistici ed eremiti, fortuna e misteri, un monastero di straordinaria cultura, un cimitero unito per le feste alla città, amanti di Venezia che hanno scelto di esser sepolti in laguna.


TORCELLO: L’ISOLA DEL PARADISO
Nella chiesa più antica della laguna (Santa Maria Assunta è del 639), si trova il mosaico del Giudizio universale, un capolavoro non solo artistico, ma di profonda comprensione dell’umanità e del desiderio di ciascuno di bene, di vita, di paradiso..


CHIOGGIA: L’ISOLA SORELLA MAGGIORE
È l’antico borgo marinaro, sorto prima di Venezia, oggi famoso per il mercato del pesce, il radicchio, le baruffe e la vita all’aperto come in una grande piazza, con monumenti preziosi, tra cui la cattedrale e le chiese, l’orologio più antico del mondo, le case di Rosalba Carriera e Carlo Goldoni.



piccole chiese, grandi capolavori


SESTIERE DI CANNAREGIO
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di Cannaregio.


SESTIERE DI CASTELLO
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di Castello.


SESTIERE DI SAN MARCO
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di San Marco.


SESTIERE DI SAN POLO
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di San Polo.


SESTIERE DI SANTA CROCE
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di Santa Croce.


SESTIERE DI DORSODURO
A Venezia ci sono chiese poco o per nulla famose, che ospitano autentici capolavori di artisti che stanno nelle chiese più famose. Le piccole chiese veneziane possiedono un'abbondanza di capolavori: la passeggiata permetterà di scoprire quelli nel sestiere di Dorsoduro.



il fascino dei nizioleti


ANTICO CASTELLO BASSO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di CASTELLO BASSO in un percorso che andrà dall'antica e fortificata sede vescovile di San Pietro ai montagnosi giardini napoleonici.


NOTEVOLE CASTELLO ALTO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di CASTELLO ALTO in un percorso che andrà dal campo delle pubbliche manifestazioni di San Zanipolo alla zona pullulante della Bragora.


NOBILISSIMO SAN MARCO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di SAN MARCO in un percorso che andrà dal ponte della Guerra ai fasti del primo "ridotto", luogo per i giochi d'azzardo in calle Vallaresso.


DINAMICO CANNAREGIO BASSO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di CANNAREGIO BASSO in un percorso che andrà dalla chiesa di Santa Lucia, oggi stazione ferroviaria, alla Strada Nova del mercato rionale.


ILLUSTRE CANNAREGIO MEDIO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di CANNAREGIO MEDIO in un percorso che andrà dai palazzi dei mercanti di diamanti a quelli di letterati e artisti del Casino degli Spiriti.


VIVACE CANNAREGIO ALTO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di CANNAREGIO ALTO in un percorso che andrà dalla chiesa di San Felice alla estesa e affaccendata fascia delle Fondamenta Nove.


ROMANTICO SANTA CROCE
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di SANTA CROCE in un percorso che andrà dal monastero che dà il nome al sestiere al palazzo della regina Corner sul Canal Grande.


SINGOLARE DORSODURO BASSO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di DORSODURO BASSO in un percorso che andrà dalla Punta della Dogana, un tempo carica di merci, alla riva delle Zattere altrettanto carica un tempo di merci.


ESTREMO DORSODURO ALTO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di DORSODURO ALTO in un percorso che andrà dal ponte in legno dell'Accademia, pensato provvisorio, ai primitivi nuclei urbani della città.


LABORIOSO SAN POLO
I nizioleti sono le peculiari iscrizioni stradali veneziane: sono miniere di storie e di arte del vivere, e noi scopriremo il sestiere di SAN POLO in un percorso che andrà dal numero 1 del Ponte di Rialto alla labirintica e profonda area del mercato.


Contatti e newsletter

Puoi contattarmi ai seguenti recapiti:
cell. +39 347 9633984
e-mail info@silviasimionato.it
Usa i pulsanti di fianco per prenotazioni, informazioni o per iscriverti alla mia NEWSLETTER, per essere sempre aggiornato sulle passeggiate.